I MODERNI VOLTI DELLA NAPOLI ANTICA

QUESTO E’ UN NUOVO PROGETTO TARGATO MINIERA , ” I MODERNI VOLTI DELLA NAPOLI ANTICA”. RACCONTIAMO I VOLTI CHE PORTANO I SEGNI DI UNA NAPOLI ANTICA, CHE HANNO OCCHI CHE GUARDANO AL FUTURO, IL FUTURO DI NAPOLI, UN FUTURO CHE POGGIA SULLE BASI DELLA NOSTRA CULTURA

“Me chiamme Gennaro e faccio ‘o solachianiello.
Acconcio ‘e scarpe pecchè è ccose vecchie nun songhe pe fforza robba c’appartene sulo ‘o passato e infatti je ca nun so’ nnato scarpariello, ma fecevo ‘e borze, porto annanze sta puteca p’e nun fa murì stu mestiere int’ ‘a città mia, int’ ‘o quartiere mio.”

“Mi chiamo Gennaro e faccio il ciabattino.
Riparo le scarpe perchè le cose vecchie non appartengono per forza solo al passato ed infatti io che non sono nato calzolaio, ma producevo borse, porto avanti questa bottega per non far morire questo mestiere nella mia città, nel mio quartiere”. 

“Me chiammo Gennaro e faccio ‘o solachianiello.Acconcio ‘e scarpe pecchè è ccose vecchie nun songhe pe’ fforza robba c’appartene sulo ‘o ppassato e infatti je ca nun so’ nnato scarpariello, ma fecevo ‘e borze, porto annanze sta puteca pe’ nun fa murì stu mestiere int’ ‘a città meja, int’ ‘o quartiere mio.”

“Mi chiamo Gennaro e faccio il ciabattino.Riparo le scarpe perchè le cose vecchie non appartengono per forza solo al passato ed infatti io che non sono nato calzolaio, ma producevo borse, porto avanti questa bottega per non far morire questo mestiere nella mia città, nel mio quartiere”.

“Stongo cca d’ ‘o uttantacinche, me chiamme Francuccio e tengo n’officina meccanica.
Cca’ dinte faccie ‘e revisioni parti auto, dongo ‘na vita nova a ‘e piezzi viecchi .
Guardate, chesti mmane, sporche, scippate, callose e tagliate songhe ‘e mmane ‘e nu faticatore. Mane sporche e cuscienza pulita, ’a vita mia se lava c’ ’o grasso, je me ‘ngrasso c’ ‘a soddisfazione ‘e chi sape vencere faticanno.” 

“Sono qui dall’ ottantacinque, mi chiamo Francucccio ed ho un’officina meccanica.
Qui dentro faccio revisioni parti auto, do vita nuova ai pezzi vecchi.
Guardate, queste mani, sporche, graffiate, callose e tagliate sono mani di un lavoratore. Mani sporche e coscienza pulita, la mia vita si lava col grasso, io mi ingrasso con la soddisfazione di chi sa vincere lavorando”

“S’ è perzo ‘o cunto d’ ‘e martellate ca aggio dato fino a mmo’, comme chillo d’ ‘e puteche ca hanno chiuso.
Me cunusceno comme ” Balestra”, comme a pateme primma ‘e me, comme a isso aggio costruito na parte ‘e storia d’ ‘e quartieri c’ ‘o fierro e ‘a fatica.
L’anema se sente ‘ncunea quanno a storia nosta va a scumparenno, ‘o core è martiello pecchè ‘a speranza, pure chiena ‘e calli comme ‘e mmanemeje, nun vo’ muriì”

“Si è perso il conto delle martellate che ho dato fino ad ora. come quello dell botteghe che hanno chiuso.
Mi conoscono come “Balestra”, come mio padre prima di me, come lui ho costruito una parte di storia dei quartieri con il lavoro ed il ferro.
L’anima si sente incudine quando la storia nostra va a scomparire, il cuore è martello perchè la speranza, anche se piena di calli come le mie mani, non vuole morire”

“Me chiammajene Pino ‘o cusutore pe me sfottere, je aggio fatto ‘e stu nomme ‘a forza mia.
Taglio e ccoso, coso e taglio notte e juorno tutt’ ‘e juorne, taglianno, facenno a piezzi, o’ scuorno ca ‘ncuollo a chi fatica nun c’ha dda maje sta, cusenno nu futuro p’ ‘a famiglia e ‘e quartieri mij.”

“Mi chiamarono Pino il cucitore per prendermi in giro, io ho fatto di quel nome la mia forza.
Taglio e cucio, cucio e taglio notte e giorno tutti i giorni, tagliando, facendo a pezzi, la vergogna che addosso di chi lavoro non deve mai esserci, cucendo un futuro per la mia famiglia ed i miei quartieri.”

“Si vuo’ sta senza fà niente, si nun tiene ggenio ‘e faticà ‘e sbagliato famiglia- me diceva pateme . ‘E chelli pparole n’aggio fatto legge pe ogni juorno d’ ‘a vita.
Nun è ‘a stoffa che fforma sti cazune, pigliene vita a chesti mmane che pure quanno je sto durmenno stanno penzanno a chello ca ponno crià.
Io songo Marco e faccio ‘o cazunaro”.

“Se vuoi stare senza far niente, se non hai voglia di lavorare hai sbagliato famiglia-mi ripeteva mio padre. Di quelle parole ne ho fatto legge per ogni giorno della vita.
Non è la stoffa che forma i pantaloni, prendono vita da queste mani che anche quando io dormo pensano a ciò che creare.
Io sono Marco e faccio il pantalonaio”

“Si tengo ‘o sole ‘ncap’ o si fa friddo je fatico sempe. Veramente nun parlasse napulitane ma cheste so pparole ca nascene da ‘e mmane meje ca songhe napulitane comm’ ‘e chelle ‘e tutt’ chille ca faticano e sureno cca’. Chiammateme Jurij, faccio ‘o gummista.”

“Se ho il sole sulla testa o se fa freddo io lavoro sempre. Veramente non parlerei in napoletano ma queste sono parole che nascono dalle mie mani che sono napoletane come quelle di tutti quelli che lavorano e sudano qui. Campicchiatemi Jurij, faccio il gommista.”

So’ ccuntento pecchè campo facenno chello ca me piace, so’ ccuntento pecchè chello che faccio piace a ll’ate. 
Songo Gennaro, me chiammano Genny, ma chesto nun è importante, je voglio che v’arricurdate d’ ‘o mestiere che a mme me da’ ‘a campà,’o tapezziere, accussì ca ‘o putesse continua’ ata ggente doppe ‘e me.”

“Sono contento perchè vivo facendo ciò che mi piace, sono contento perchè ciò che faccio piace agli altri.
Sono Gennaro, mi chiamano Genny, ma questo non è importante, io voglio che vi ricordasse del mio mestiere che mi dà da vivere, il tappezziere, in modo che possano portarlo avanti altri dopo di me. ”

“ Comme se fa si tutto ha dda cagnà?
Addò se va si tutto passa senza manco ‘o tiempo ‘e ce penza’?
Sta fernenno ma nun ce voglio credere, ancora no.
A ccosere a mmane ‘e libri tutta ‘na vita,
ere destino pe mme, je so’ Rita.”

“Come si fa se tutto deve cambiare?
Dove si va se tutto passa senza nemmeno il tempo di pensarci?
Sta finendo ma non voglio crederci, ancor ano.
Cucire a mano i libri per tutta una vita,
era destino per me, io sono Rita.”

“Mia mamma me vuleva tapezziere -” Loro magnene sempe”- ma ‘a criaturo guardave sempe a chillillà ca faticavene c’ ‘o lignamme.

‘A chiù ‘e sissant’anne je songo Don Carlo ‘o falignamme .

Sti mmane ve ponno raccuntà chi songo”

“Mia mamma avrebbe voluto che diventassi un tappezziere -“Loro guadagnano sempre”- ma io da bambino guardavo sempre quelli che lavoravano il legno.

Da più di sessant’anni sono Don Carlo il falegname.

Queste mani possono raccontarvi chi sono. “

“Tengo ancora ‘a forza ‘e me sosere e vvenì a faticà doppe tant’anne e ppure si ‘e ccape d’ ‘a ggente songhe assaje cagnate a quanno arapette sta puteca so’ ssempe cape figlie a mme. 
Cca dinte aggio accurciato ‘e capille e ‘e penzieri tristi d’ ‘e guagliuni. So’ Don Ciro, Ciro ‘o barbiere.”

“Ho ancora la forza di alzarmi e venire a lavorare dopo tanti anni e anche se le teste delle persone sono molto cambiate da quando ho aperto questo salone sono sempre teste mie figlie.
Qui ho accorciato i capelli ed i pensieri tristi dei ragazzi. Sono Don Ciro, Ciro il barbiere.”

” ‘A notte a regalamme a Melito ma ‘o juorno è d’ ‘e quartieri. 
‘Mmiez’ ‘o Turrione, tra cannele e carburatori, avimme costruito ‘na storia, ‘a storia ‘e famiglia, famiglia ‘e sanghe, da nonno ‘a nepote, famiglia ‘e sintimenti, cca’ ‘ncoppe è casa nosta.
Addo’ Don Vecienzo ‘o meccanico puo’ sentere allucche ‘e sofferenza, fatica e sacrificio ca parteno a sissantacinche anne fa.”

“La notte la regaliamo a Melito ma il giorno è dei Quartieri.
Lì al Torrione, tra candele e carburatori, abbiamo costruito una storia, la storia di famiglia, famiglia di sangue, da nonno a nipote, famiglia di sentimenti, qui è casa nostra. 
Da Don Vincenzo il meccanico puoi ascoltare grida di sofferenza, fatica e sacrificio che partono da sessantacinque anni fa.”

“Me chiammo Mario e ‘e natu Mario porto annanzo nun solo ‘o nomme ma ‘na storia accuminciata chiù ‘e cientocinquant’anne fa. 
Int’ ‘a sta puteca puo’ sentere ll’addore ‘e storia, poesia e Napule. Chiude ll’uocchie, te pare ca t’arriva ‘e recchie ‘a voce d’ Eduardo, comme Lucariello ca ddiceva :” questo ombrello l’ho comprato da un negoziante amico mio”. “

“Mi chiamo Mario e di un altro Mario porto avanti non solo il nome ma una storia cominciata più di centocinquant’anni fa. 
In questa bottega puoi sentire l’odore di storia, poesia e Napoli. Chiudi gli occhi, può sembrare che alle orecchie ti arrivi la voce di Eduardo, come quella di Lucariello che diceva: ““questo ombrello l’ho comprato da un negoziante amico mio”. “

‘E LIGNAMMARI D’ ‘A SANITA’

” ‘Na vota si te serveve ‘o lignamme ce stevene nu sacche ‘e poste addo’ putive ij, mo’ cca’ ce stamme sulamente nuje.
Tutto ‘e accumminciato cu Don Pascale( ‘o nonno), doppe ‘e isso Don Vecienzo( ‘o pate) e Pascale( figlio e nepote)”

“Un tempo se avevi bisogno di legno c’erano tanti posti in cui potevi andare, ora qui ci siamo soltanto noi.
Tutto ha avuto inizio con Don Pasquale( il nonno), dopo di lui, Don Vincenzo(il padre) e Pasquale( figlio e nipote)”

INDORATORE

“A foglia d’oro ‘a stengo c’ ‘o penniello e p’ ‘a asciutta’ ce metto ‘na goccia ‘e ll’ anema meja , chell’anema ca patemo m’ha regalato e che cca’ dinte resta ‘nzieme a tutt”o riesto d’ ‘ a scola soja ca maje adda ferni’.”

“Stendo la foglia d’oro con il pennello per asciugarla ci metto una goccia della mia anima, quell’anima ca mio padre mi ha regalato e che resterà qui dentro assieme al tutto il resto dei suoi insegnamenti che mai dovranno essere dimenticati”

“Pane e chianelle aggio mangiato, pe sissant’anne. ‘O stesso ppane ca mangiava e cha me deva a mangià patemo e ca mo’ me resta ‘ncoppe ‘o stommaco.
Scarparo, solachianiello, ciabattino, chiammateme comme vulite, tanto cagne poco, je po me chiammasse Salvatore ma salvatori è stu mestiere nun ce ne ponno stà.
Quanno ‘a luce meja se stutarrà, cca’ dinto sarrà scuro pè ssempe.”

“Pane e suole ho mangiato, per sessant’anni. Lo stesso pane che mangiava e che dava da mangiarmi mio padre e che ora mi resterà sullo stomaco.
Scarparo, solachianiello, ciabattino, chiamatemi come vi pare, tanto cambia poco, io mi chiamerei Salvatore ma salvatori di questo mestiere non ce ne possono essere.
Quando la mia luce si spegnerà, qui dentro sarà buio per sempre.

“‘O mio è nu munno in miniatura addo’ ‘a vvote ‘o tiempo se ferma, je ‘o faccio ripartì, magia ‘e sti ddete.

Si guardasseve ‘a vita cu n’uocchio sulo, comme ‘a mme, capisseve ca ‘e rilorge  nunn ammesureno ‘o tiempo d’ ‘a vita ma ‘o stipeno, perlomeno accussì vale pe’ mme.

Quanno l’urdimu sicondo mio sarrà cantato d’ ‘a lancette ‘e n’ urdimu rilorgio, ‘o tiempo mio nun murrarrà ma rimmarrà signato lloche dinto.”

“Il mio è un mondo in miniatura dove a volte il tempo si ferma, io lo faccio ripartire, magie di queste dita.

Se guardaste la vita con un solo occhio, come faccio io, capireste che gli orologi non misurano il tempo della vita ma lo conservano, perlomeno è così per me.

Quando l’ultimo secondo sarà cantato dalla lancetta di un ultimo orologio, il mio tempo non morirà ma resterà segnato lì dentro.”

“‘E chiamme ricchini, bracciali o cullane ma chiste songhe piezze ‘e poesia ca nunn aggio avuto p’ eredità ma songhe nate da ‘o core e crisciute dint’ ‘a ‘sti mmane addiventanno stimmate ‘e passione ‘e chi po’ cria’ ll’oro pure senz’oro. Chill’oro can nun ce sta manco cchiù a ‘o Borgo Orefici e ca allora voglio fa crescere cca’, annaffiannolo ‘e poesia, ‘miez’ Santa Chiara.”

“Li chiami orecchini, bracciali o collane ma questi sono pezzi di poesia can in ho avuto in eredità ma che sono nati dal cuore e cresciuti in queste mani diventando stigmate di passione di chi può creare l’oro pure senza oro. Quell’oro che non c’è più neanche al Borgo Orefici e che allora voglio far crescere qui, annaffiandolo di poesia, a Santa Chiara.”

“Damme cinche minuti, sulamente cinche minuti, subbito faccio.
Ma a chisto ‘o saccio?
Jamme, tengo che ffa.
Ma quanno se ne va?
Cinche minuti…”

“Tre ssore cu ‘na sola famma ‘e chella famma ca rigneva panza e anema d’ ‘a ggente c’ ‘o nomme nuosto. Nuje, comme ‘a lloro, magnamme pane e arte. Nuje criamme, da ‘na mullechella facimme ascì ‘na tavola apparicchiata a ffesta , da ‘o nniente cacciamme fore stu bellizzo.
Chesta puteca è ‘a casa d’ ‘o pate nuosto, isso sta sempe ccà, pure mo ca tutte quante vuje nunn’ ‘o vedite, sta ccà e ce parla , usanno ‘e pparole d’ ‘o mestiere ca c’ ha ‘mparato. Pe’ ammore ‘e isso purtamme annanza chist’ammore. Simme tre ssore, tutte e tre ‘nnammurate e chist’ammore ca ce hanno regalato.”

“Tre sorelle con una sola fame di quella fame che riempiva pancia ed anima della gente che portava il nostro nome. Noi, come loro, mangiamo pane ed arte. Noi creiamo, da una mollica ne facciamo uscire una tavola imbandita a festa, dal nulla tiriamo fuori la bellezza.
Questa bottega è la casa di nostro padre, egli è sempre qui, anche adesso che voi non lo vedete, è qui e ci parla, usando le parole del mestiere che ci ha insegnato. Per amore verso di lui portiamo avanti quest’amore. Siamo tre sorelle, tutte e tre innamorate di quest’amore ce ci hanno regalato.”

“Pure si è fernuta nuje stamme ancora ccà, nunn’ è speranza, chello ca uno è nun se pò cagnà.

Manco cchiù ‘o ggenio, o ‘a forza, d’ ‘alluccà, a che sserve si chi ha prumiso, mo’, niente vvo’ cchiù ffà? 

Ma je continuo a faticà, se va annanze a ttirà. Tiramme, chijamme, ammaccamme, vattimme, azzeccamme sti lammere. Te staje sbaglianne , nun n’ è mo’ ‘a rraggia, è ca simme vattalammere.”

“Anche se è finita noi siamo ancora qua, non è per speranza, ciò che uno è non si può cambiare.

Nemmeno più la voglia, o la forza di gridare c’è, a cosa serve se chi promesso, ora, non vuole fare più nulla?

M aio continuo a lavorare, si va vanti a fatica. Tiriamo, pieghiamo, picchiamo, attacchiamo queste lamiere. Ti sbagli, non è per rabbia ora, è che siamo lattonieri”

“Cierti mumente, ca nun songhe maje quante ne vulesse, lengua e penniello me vottano ‘a ddicere chello ca je voglio dicere, cu pparole e cculure nun prestate dall’ate. Quanno succede je songo ‘Truciòó.’ ”

“Certi momenti, che non sono mai quanti ne vorrei, lingua e pennello mi spingo a dire ciò che io voglio dire, con parole e colori non prestati da altri. Quando accade io sono ‘Truciòó.’ “.

“Te pozzo  dicere ca aggio truvato ‘a via mia proprio ‘ ‘miez’ ‘a via, cca’ addo’ se fatica ‘nsieme all’ alleria, che è d’ ‘ a ggente eppure ‘a mia. Stongo danno forma all’anema meia ogni juorno danno forma a fierro, ramma e uttone. Robba tosta, accussi’ comme s’adda essere ‘int’ ‘a vita.

Crianno bracciale e ricchine aggio truvato me stessa? Eh, che ddomande ca me faje! Te dico ‘na cosa: almeno aggio ‘ngarrato ‘a via, saccio addo’ m’aggia cerca’. Songo Skara ka.”

“Posso dirti che trovato la mia strada proprio in strada, qui dove si lavora insieme all’allegria, che è della gente ma anche la mia . Sto dando forma alla mia anima ogni giorno dando forma a ferro, rame ed ottone. Roba dura, così come si deve essere nella vita.

Creando bracciali ed orecchino ho trovato me stessa? Che domande che mi fai! Ti dico una cosa : almeno ho indovinato la strada, so dove devo cercarmi. Sono Skara Ka.”

“Chella ‘e dint’ ‘e mummare mica era sol’acqua e bbasta, te putive bevere ll’anema ‘e Napule. Acqua zurfegna, ‘o zolfo d’ ‘o Vesuvio ca ‘a criato stu ffuoco ca tenimme adinto.
Mo’ ce ‘e dimmasto sulo ‘o limone, vita aspra senza ‘o ddoce ‘e ll’antiche sentimiente napulitani.
Eh ma je mica lasso stà, finché esisto je resisto.
Ll’acqua è fresca? Manco ‘a neve!”

” Quella della mammare non era mica soltanto acqua, potevi berti l’anima di Napoli. Acqua suffregna, lo zolfo del Vesuvio che ha creato il fuoco che abbiamo dentro.
Ora ci è rimasto solo il limone, una vita aspra senza il dolce degli antichi sentimenti napoletani.
Eh ma io non mollo mica, finché esisto io resisto.
L’acqua è fresca? Più della neve!”

“Eh, pe’ cinquant’anne ll’ago è trasuto p’ ‘a ccà e ‘a asciuto p’ ‘a llà. Cinquant’anne ‘e casa ‘e puteca, primma ‘a casa era pure puteca e ppoje ‘na puteca è addiventata siconda casa.
‘Miez’ ‘a Cuncordia tre ppare ‘e mane nun se fermano maje. Je, muglierema e nepoteme ‘na famiglia, ‘na sola storia, ‘na sola anema vestuta cu panne ‘e sacrificio cusute da tre ssarte.”

“Eh per cinquant’anni l’ago ‘ entrato da qui ed è uscito da lì. Cinquant’anni di casa e bottega, prima la casa era anche bottega e poi una bottega è diventata una seconda casa.
In Piazzetta Concordia tre paia di mani non si fermano mai . Io, mia moglie e mio nipote una famiglia, una sola storia, una sola anima vestita con abiti del sacrificio cuciti da tre sarti.”

” Nun me è maje mancata ‘a fantasia e nun ll’aggio avuta in eredità, è crisciuta chianu chianu, eppure forte forte, dint’ ‘e me. ‘Sti mmane parlavano ma nunn ‘e ccapevo ancora, m’aggio avuto ‘mparà  ‘a lengua d’ ‘e criature pe ce putè parlà assieme. Mmo’, ringrazianno chillu tiempo regalato a lloro, ca po’ è stato ‘nu regalo pe mme, je e ‘e mmane meie simme ‘na cosa sola ca sonna ca regala ‘na cosa sola: fantasia ca puo’ tuccà, mettere ‘ncuollo e vestere ‘a casa.”

“Non mi è mai mancata la fantasia e non l’ho avuta in eredità. è cresciuta piano piano, eppure forte forte, dentro di me. Queste mani parlavano ma non le capivo ancora, ho dovuto imparare la lingua dei bambini per poterci parlare assieme. Ora, ringraziando quel tempo regalato a loro, che poi è stato un regalo per me, io e le mie mani siamo una cosa sola che sogna e regala una cosa sola: fantasia che puoi toccare, mettere addosso e vestirci la casa.”

“‘Nu film viecchio ca ‘nciampeca isso sulo, ‘na canzona spezzata d’ ‘a povere e da ‘o tiempo, songhe comme ‘o cinema e ‘a museca d’ ‘e ricorde d’ ‘a vita, cchiù so’ viecche e luntane e ccchiù venene accummigliate d’ ‘o scuro, cchiù songhe scure e ccchiù songhe importante.

Nuje accunciamme ‘e ricorde, damme vita a chella vita ‘ngialluta ca  nun se vo’ perdere ‘miez’ ‘e culure brillante d’ ‘a vita nova.”

“Un vecchio film che inciampa da solo, uan canzone spezzata dalla polvere e dal tempo, sono come la proiezione e la musica dei ricordi della vita, più sono vecchi e lontani e più sono avvolti dal buio, più sono bui e più sono importanti.

Noi ripariamo i ricordi, diamo vita a quella vita ingiallita che non vuol perdersi tra i colori brillanti della vita nuova.”

Riparatori impianti musicali e cinematografici, Calata Trinità Maggiore, Napoli.