Tratti di Emozioni

Per rendere umane le emozioni che si vogliono condividere è necessario, a volte, ricorrere a più stimoli sensoriali e così ho chiesto aiuto a Rosaria Mottola, che con le sue illustrazioni dà forma alla poesia e dà poesia al disegno, soprattutto rende visibili le emozioni. Ella si definisce una disegnatrice ed illustratrice per passione, una poetessa per gioco. “Disegno perché ho bisogno di dare una forma a ciò provo. Non so se riesco. È tutta sperimentazione. Provare a creare queste forme mi fa sentire svuotata e riempita, e viceversa. Gli altri spesso in esse colgono aspetti celati anche ai miei occhi.” Rosaria Mottola Illustrazioni di Rosaria Mottola

Ho scelto come prima illustrazione per questa nuova rubrica la tavola “Suonatore di violino” poiché tema di questa prima volta non poteva che essere la condivisione di emozioni. Chi suona lascia che il vento distribuisca, sparpagliandolo, il seme dei propri sentimenti intimi.

Sono pè tte ca poje
te pierde cu ‘e silenzie d’ ‘e rummure,
rigalo d’ ‘a ggementa.
Sono pè vvuie ca nun vedite
‘e smorfie ‘e dulore sotto ‘e surrise,
maschera d’ ‘a ggente.
Sono pè mme ca ancora ce credo,
me sparto cu vvuie ‘a dint’ ‘ o cappiello
sti nnote vullente.

‘A museca ‘a piglio da vuje,
sciglienno ‘e nnote ‘e spicce cchiù bbelle,
‘e ‘mpasto cu ‘e ricorde luntane.
‘A museca ‘a sparto cu ll’ate,
chi campa p’ ‘o tiatro ‘e ‘miez’ ‘a via,
suffrenno friddo e nnote senza voce carnale.
‘A museca torna addu me
alliggirita da ‘e ricorde antiche
ca mmo’ cresceno senza purtà ‘o mmale FDR

[Suono per te che poi
ti perdi con i silenzi dei rumori,
regalo del cemento.
Suono per voi che non vedete
le smorfie di dolore sotto i sorrisi,
maschera della gente.
Suono per me che ancora ci credo,
divido con voi dal cappello
queste note bollenti.

La musica la prendo da voi,
scegliendo gli spiccioli di note più belle,
e le impasto con i ricordi lontani.
La musica la divido con gli altri,
chi vive per il teatro della strada,
soffrendo il freddo e le note senza voce umana.
La musica torna da me
alleggerita dai ricordi antichi
che ora crescono senza portare il male]

Come seconda illustrazione ho scelto “Quotidianità” per dare continuità al concetto di condivisione di emozioni. Stavolta la condivisione è tra due persone, che è pur sempre una moltitudine considerando l’essere intrinsecamente egoista dell’essere umano.

‘Nu poco ‘e te me bevo, goccia a goccia, chianu chianu, voglio sentere bbuono che ssapore tene ‘o bbene. Se leva ‘a sete eppure tengo ancora sete. E ll’urdimu surzo m’ ‘o stipo pè ddimmane.

Un pò di te mi bevo, goccia a goccia, piano piano, voglio sentire bene il sapore che ha il volersi bene. Mi si placa la sete eppure ho ancora sete. E l’ultimo sorso lo conservo per domani.