Questa che vi racconto è una storia di fantasmi, una storia di fantasmi ai Quartieri Spagnoli, o giù di li. Chi di voi non conosce Hans Christian Andersen?Parlo dello scrittore danese autore di fiabe come Il brutto anatroccolo, La principessa sul pisello, La piccola fiammiferaia.Ebbene anche lui, come tanti, non resistette al fascino di #Napoli e dovette visitare la città e i suoi dintorni per necessità turistica ma anche, e soprattutto, per rimpolpare la sua vena creativa. Napoli, infatti, è sempre stata storicamente fonte di ispirazione per tanti artisti.Che devo dirvi, sarà il mare, la vivacità del popolo, il sole, il calore umano, la creatività che erutta da ogni cratere di umana passione ma questa città riesce a tirar fuori il meglio da tutti coloro che la sanno osservare, per davvero.Lo scrittore danese nel suo periodo napoletano alloggiò nell’albergo dell’Aquila d’oro, tra via Ferdinando del Carretto e via dei Fiorentini, ma fino a notte fonda egli girava curioso per la città.Questo soggiorno napoletano fu per egli un momento di arricchimento artistico. Il Vesuvio, soprattutto, fu oggetto dell’ammirevole attenzione del poeta:”L’aria brucia, il vino brucia, Il Vesuvio è in fiamme e sotto i piedi c’è il fuoco […]. La mia attenzione non riusciva a staccarsi dalla montagna e dalla colonna di fuoco che si innalzava dal cratere fino ad una massa compatta di nuvole, rosse come il sangue… Sembrava una sorte di enorme albero le cui radici erano costituite dai ruscelli di lava che solcano il vulcano”L’esperienza napoletana creò un legame indissolubile tant’è che egli scrisse così:” Quando sarò morto tornerò a Napoli a fare il fantasma, perché qui la notte è indicibilmente bella”.Ancora oggi nei pressi dei quartieri spagnoli si narra la storia di uno strano uomo in vesti ottocentesche che si aggira di notte tra i vicoli…*Storia tratta da “Storie e racconti dei quartieri di Napoli” di Marco Perillo

Di Fabio De Rienzo

Fabio De Rienzo, appassionato di poesia, letteratura e fotografia. Insieme a Salvatore realizza progetti fotografici, editoriali ed eventi a tema sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *