‘A ggente

Più del 99% della città, del quartiere, dei vicoli è rappresentato dai quei volti senza nome che nessuno riconosce, quei visi familiari ma allo stesso tempo sconosciuti, che non appartengono a personaggi illustri ma alle persone che vivono, lavorano e amano. ‘A ggente. Noi omaggiamo loro.

“Che he ditto?”

“M’arreposo nu poco cca’, ‘o ssaje so’ stanco ‘e cammena.”

“Nuje cca faticamme mica pazziamme”


“Vulesse vedè ‘a casa lloro…”


“E’ pecchè forze ca nunn’ aggio maje fatto ‘a vita ca ‘a vita mia è stata vita. E rerite pure si vulite ridere, aggio fatto ‘a pelle ‘e ciuccio, ‘e resate songhe state ‘a musica d’ ‘o film d’ ‘a storia mia. Continuate pure a ridere, je aggio sempre capite ca ero Gina, vuje ‘o ssapite overamente chi site? E tra ‘na resata e n’ata avite maje penzato si ‘a vita vosta è veramente vita?”

“E’ perché forse che non ho mai fatto la vita che la mia vita è stata vita. E ridete pure se volete ridere, io ho ormai una pelle d’asino, le risate sono state la musica del film della mia storia. Continuate pure a ridere, io da sempre ho capito di essere Gina, voi sapete davvero chi siete? E tra una risata ed un’altra avete mai pensato se la vostra è davvero vita?”

“Comme dice ‘a canzone, je canto e ssono, sono e canto e me sento furtunato. Pure si nun canto napulitano, napulitanamente campo cu sta museca.”

“Come dice la canzone, io canto e suono, suono e canto e mi sento fortunato. Anche se non canto in napoletano, napoletanamente vivo con questa musica.”

“Domandammello nata vota sì songo ‘e coppe’ ‘e quartieri pecche’ ca capa te rispongo sempe ca nno ma è ‘o core mije ca sape l’urdimi vintanne addo’ so’ stato e sta resata te dice tutte cose. So quarteriano e nisciuno m’ ‘o ppo leva’, parlo ‘nfaccia e nun saccio ‘nganna’”

” Tant’anne se ascarfata sta capa cu ‘e penzieri d’ ‘a fatica ca mo’ vengo cca’ a me ‘nfonnere ‘e suonne ‘e aria che sape ‘e acqua e sale. Mo’ lasseme sta, sto parlanno cu mme, cu chillu me ca nun cunusceva ancora ‘o mare.”

“Tanti anni la testa mi si è scaldata con i pensieri del lavoro che ora vengo qui a bagnare i sogni di aria che sa di acqua e sale. Ora lasciami stare, sto parlando con me, quel me che ancora non conosceva il mare”.

“Chist’anno ‘o Napule nunn arriva nemmanco sicondo. Si ‘ o presidente piglia, piglia, ma a chi piglia? Facimme sempre chesto, se parla, se parla e po’ nun s’accatta a nisciuno”


“Quest’anno il Napoli non arriva neanche al secondo posto. Si, i presidente compra,compra ma a chi compra? E’ sempre la stessa storia, si parla, si parla ma poi non si compra nessuno”


“Che vvita sta vita”

“Pare ca stongo ‘ncazzata, invece no! Nunn è overo, è solo a faccia ‘e stu quartiere. Forze pecchè nun so’ cchiu’ chella d’ajere, forze pecchè porto sempe ‘a stessa bandiera, e allora v’ ‘o ddico mo’, int’ ‘a vita mia l’aggio sempe visto miezu chieno stu bicchiero.”

“Ve pare a vuje ca so’ na femmena triste ma nun è overo, songo sule ‘o specchio da ‘a strada c’ aggio fatto cammenanno dinta ‘a vita mia.”

” Ve può sembrare che sia una dona triste ma non è vero, sono solo lo specchio della strada che ho fatto nell cammino della mia vita”


“Fotografa a me, fotografa a me.Guarda comme me movo, guarda cca’. Eh, che ne pienzi? Vaco bbuono allora,no? Abballamme.”

“Chist’anno ‘o Napule nunn arriva nemmanco sicondo. Si ‘ o presidente piglia, piglia, ma a chi piglia? Facimme sempre chesto, se parla, se parla e po’ nun s’accatta a nisciuno.”


“Quest’anno il Napoli non arriva neanche al secondo posto. Si, i presidente compra,compra ma a chi compra? E’ sempre la stessa storia, si parla, si parla ma poi non si compra nessuno.”

“Je so’ Nennella ‘a siconda, ‘a primma nennella era mia suocera.Comme ve ‘a racconto ‘na storia ‘e sittant’anne? Assettateve, accuminciamme…”


” Karim, comme “carimme pe tterra”, ma nuje e vuje nun carimme maje, o ,per lo meno, subbito ce aizamme.
Nun parlo cu vvoce napulitana ma songhe mille ‘e voce ‘e Napule ca sento ogni juorno, lamienti, turmienti e sintimenti,ca nun giudico e accussì nuje ‘nsieme nun carimme.”

SONY DSC

“So’ cinquant’anne ca faccio ‘o ccafè int’ ‘a stu bar, tanta cose succedono, so’ succiese ‘e succedarranno. P’ ‘a cca ffore ce passa ‘o munno’ e je tengo sempe nu surriso pe tutte quante.

” Miez’ ‘e capille e miez’ ‘e femmene, miez ‘ ‘o quartiere pe dda’ ‘na mano, pe chello ca pozzo fa. 
Dammece ‘na mano, saglimme ‘nzieme chianu chianu.”

“Napule, ‘o Napule e Maradona. Napule è Maradona, Maradona è Napule.”

“Fancella a isso ‘a fotografia, isso è famoso.”

SONY DSC

” Buongiorno. Je, sinceramnete, tengo nu poco ‘e scuorno, fotografate si vulite fotografà ma nun me facite parlà. Jamme, mo proprio v’aggio ditto ‘e nun me fa domande pecchè ‘a mia nun è llengua ca usa parole ca veneno d’ ‘a lengua, ‘a lengua meja è fatta ‘e sguardi e suspire.
Ue, ma site ‘nsisti, eh? Vabbuò, si, songo ‘e ccà, stongo ‘e casa a Rua Catalana”

” Buongiorno. Io, sinceramente, sono un poco timida, fotografate pure se volete fare delle foto ma non fatemi parlare. Su, proprio ora ho finito di dirvi di non rivolgermi domande perché quella mia è una lingua che un utilizza parole che provengono dalla mia lingua, la mia lingua è fatta di sguardi e sospiri.
Certo che siete insistenti, vero? Vabbene, si, abito qui a Rua Catalana.”

” Nato cu ‘nu nomme indiano troppo difficile pe vvuje, chiammateme Vecienzo, comme hanno sempe fatto ccà.
Trintottanne a Napule, a faticà d’ ‘a matina a sera, ‘ncoppe ‘e Quartieri so’ vvenuto a circà ‘na vita nova. Mo’ sto ‘nu poco stanco, m’arreposo arrubbanneme piezze e aria ‘e sta città e dd’ ‘e stu quartiere ca fino a mmo m’avevo scurdato ‘e rispirà”

” ‘O ccafè ‘o ffacevo sempe ca ‘a cuccumella, mo’ nun sempe ma ogni tanto si. C’ ‘a cuccumella è n’ata cosa. E’ n’ata cosa sopratutto quanno mo ‘o vvengo a piglià cà ‘ncoppe. Da stu terrazzo ‘e Quartieri vasano tutta Napule, ‘a vasano ca ‘a vocca ca ssape ‘e cafè.”

” IL caffè lo facevo sempre con la napoletana, ora non sempre ma ogni tanto si. Con la napoletana è un’altra cosa. E’ un’altra cosa soprattutto quando vengo a berlo qui su. Da questo terrazzo i Quartieri baciano tutta Napoli, la baciano con la bocca che sa di caffè. ”

“Me voglio purtà llà nu piezzo ‘e mare ca sta ccà pecchè senz’amare nun saccio stà e allora me ne tengo almeno nu poco sempre appriesso. Pe tte.”

“Voglio portarmi li un pezzo di mare di qui perchè senza amare non ci so stare e allora ne tengo con me sempre almeno un po. Per te.

“All’aria aperta ‘e nnote saglieno purtate d’ ‘o viento, nun ‘e puo’ ffermà. Menumale, ‘a museca addà viaggià. Allora nuje campamme d’aria.”

All’aria aperta le note salgono su portate trascinate dal vento, non puoi trattenerle. menomale, la musica deve viaggiare. Quindi noi viviamo d’aria.”

delle singolarità umane che come olio in acqua si mescolano, se bene agitate, nella totalità ma che finiscono per separarsi in bolle uniche e distaccate, eppure, allo stesso tempo, così tutti uguali ed uniti in un medesimo destino, è l’appartenenza alla specie, è, soprattutto, il flusso di pensieri e di conoscenze che scolpisce in ogni viso espressioni sempre simili.

Ci sono quei volti del mattino, quelli assonati ed assorti in metro, o quelli indaffarati, quasi in apnea, di chi va per strada per raggiungere la propria meta quotidiana, sono, quelli, volti senza maschere. In quegli attimi, forse, l’uomo ha l’occasione unica, forse, dico forse, di essere davvero sé stesso, per quanto possa essere possibile e pensabile. In quei momenti di solitudine tra la moltitudine, dove si sta con sé stessi, senza interazioni con gli altri, non si è obbligati alla manifestazione delle convenzioni sociali, non ci affanna per apparire a tutti i costi simpatici, non ci si sforza per provare empatia oppure distacco. Si sta da soli con sé stessi, con il proprio io. In quei momenti, seduti ad aspettare la propria fermata, o per strada a battere passo dopo passo il percorso giornaliero, non si è lavoratori, studenti, padri o madri di famiglia, figli, estroversi, timidi, gay, criminali, eterosessuali, stranieri o famosi. Si è umani, si è persone, un tutt’uno con sé stessi ed il mondo.

Io, per natura, sono un tipo solitario, ho bisogno di stare spesso con me e me solo, eppure voglio far parte della gente, eppure amo la gente, amo osservarla perché ogni volto parla e racconta il mondo da una sua prospettiva.

Ad esempio questo volto in foto mi ha detto, a modo suo, : “Ogge è comme ‘e ddimane, ca sarrà come ajere. Eppure è sempe tutto accussì diverso.”

“Faciteme capì ‘n ‘attimo chi site, però si me fa piacere parlà cu vvuie”

“Fatemi capire una ttimo chi siete, però si mi fa piacere parlare con voi”

Luca, S.Anna dei Lombardi, Napoli

“Corro areto ‘a ‘na fatica, ‘a ‘nu mestiere ca hanno ditto ca nunn è cchiù ‘o mio. Me ll’hanno levato ‘a mano, ‘o vaco cercanno piezzo a piezzo ‘ncopp’ ‘e ccase d’ ‘a ggente.”

Carminiello, falignamme senza puteca e senza casa- ‘Ngopp’ ‘e Quartiere

“Corro dietro ad un lavoro, ad un mestiere che hanno voluto che non mi appartenesse più. Me lo hanno tolto dalle mani, lo cerco pezzo per pezzo nelle case delle persone.”

Carmine, falegname senza bottega e senza casa. Quartieri Spagnoli

So solo che si chiama Luciano , il tempo di prendermi un caffè , girandomi ho visto questo viso e ho subito chiesto se potessi scattargli una foto . Lui urla e fa svegliare tutto il quartiere con la sua voce .

“Nun m’arricordo ‘o nomme ‘e chella llà, piglia sempe ‘e ppummarole ‘a poco ma ‘e bbanane ‘e vvò bbone, chelle songhe p ‘ ‘o nennillo.
Nun t’arricuorde ‘e me si stongo p’a ‘a via, senza dà nu’ poco d’addore, ma piglianno ll’addore d ‘a vita, che è pure ‘a mia. E che ce vuò fa si ce stongo pure je ccà? E che ce pozzo fa si nun t’arricuorde ‘e me ma songo comm’ ‘a te?”

“Non ricordo il nome di quella lì, prende sempre i pomodori a poco ma le banane le vuole buone, quelle sono per il piccolo.
Non ti ricordi di me se sono per strada, senza dare gli odori (basilico, prezzemolo e sedano), ma prendendo l’odore della vita, che è anche la mia. E che ci vuoi fare se ci sono anche io qui? E che posso farci se non ti ricordi di me ma io sono come te?”

Un fruttivendolo della #Pignasecca.

E penzavo comme puteve essere ‘a vita mia, e chi ‘o penzava ca crisceva ‘mmiez’ ‘a via.Je ca credevo pè mme belli vveste, e credo ancora ‘int’ ‘o bbene ‘e chello ca resta.Sunnavo ‘na via senza dulure, sonno ‘e ce putè sempe mettere ‘na pezza ‘a culure.

E pensavo come sarebbe potuta essere la mia vita, e chi lo pensava che sarebbe cresciuta in mezzo alla strada.Io credevo che per me ci fossero bei vestiti, e credo ancora nel bene di quello che resta.Sognavo un cammino senza dolori, sonno di poterci mettere sempre una pezza a colori.
Una venditrice di strada della #Pignasecca.

Je senza ‘e te me perdo ancora, je senza ‘e te cerco ‘e essere tico. Aspietteme ‘a casa ancora.

Io senza di te mi perdo ancora, io senza di te provo ad essere te. Aspettami a casa ancora.
Un uomo qualunque che fa la spesa, uno dei tanti- Quartieri Spagnoli.

“Mmane ca danno, mmane ca pigliano,
‘a faccia annascunnuta
da ‘e ssempe stessi pparole
ca ddiceva pure chi steve primma ‘e me.

Uocchie ca guardano attuorno
e scansano a me
ma je pe fa sentere regalo
‘nu surriso c’addore ‘e vasinicola.”

“Mani che danno, mani che prendono,
la faccia nascosta
dalle sempre stesse parole
che diceva anche chi c’era prima di me.
Occhi Che guardano intorno
ed evitano me
ma io per farmi sentire regalo
un sorriso che sa di basilico.”

Un fruttivendolo della #Pignasecca.

“A me chist’addore m’arricorda Napule,
‘o prufumo ca nasce da mare,
è pè cchesto ca te vaso ‘sti mmane,
pè cchesto te ‘e stregno fino ‘a dimmane.
Me diceva sempe Nanà mia.”

“A me quest’odore mi ricorda Napoli,
il profumo che nasce dal mare,
è per questo che ti bacio queste mani,
per questo te le stringo fino a domani.”

Un pescivendolo della #Pignasecca.

“Si pè ‘a vocca stanca mia siente ‘a Napule ca era è pecchè ca stanno voce eterne e allora pure sta vocca mia cantarrà pè sempe. Siente? Nunn e’ manco ‘a vocia mia, songhe è pate d’ ‘a città ca ancora teneno ‘a dicere”

“Se tramite la mia bocca stanca ascolti la Napoli che fu è perchè qui ci sono voci eterne e allora pure questa mia bocca canterà per sempre. Senti? Non è neanche la mia voce,sono i padri della città che ancora hanno da dire.”

Museca comme, e cchiù, d’ ‘e pparole

Un violinista di strada a via Toledo